A proposito di Lapàpe

“Da bambina collezionavo immagini appese ad un filo con delle mollette.
Non ho ancora smesso.” 

Lapàpe rappresenta l'ispirazione

  • VISUAL
  • BELLEZZA
  • ARMONIA

La storia di Lapàpe parte dalle immagini per creare uno stile su misura. Lapàpe nasce da una bambina con la voglia di catturare la bellezza con un pò di mollette, un filo e un sacco di immagini ritagliate.

Cosa significa occuparsi di immagini? 

Significa sviluppare una capacità visiva a tutto tondo: significa sviluppare una sensibilità acuta per la lettura visiva e per le atmosfere.

Creare atmosfere è un’arte. La mia.

Chi è Lapàpe

Molletta-1969.-Francia.-Louis-Violet-per-Pincinox

Moodboard, il mio strumento

Cosa significa Moodboard?
Moodboard è una superficie, digitale o reale, su cui si distribuiscono: immagini, oggetti, scritte, tessuti, palette colori… per rendere reali le ispirazioni e il concept del proprio progetto. 
E’ il primo strumento della progettazione: 

QUALCOSA SU DI ME

IMG-20180617-WA0017-e1531726574860.jpg

Appassionata di colore da tutta la vita e studiosa accanita. Mi chiamo Lavinia e sono una designer.

Laureata in Fashion Design e in Design Industriale, dopo un periodo in una grande azienda di moda, ho capito che per me la moda significa trovare il proprio stile.
 
Seguendo questo sogno, n
el 2015 ho scoperto la Consulenza d’Immagine e ho seguito i corsi dell’Italian Image Institute.

Del Design amo la costruzione del progetto: il momento magico in cui tutto prende vita.
Da qui l’idea di un Project Coach: qualcuno con le giuste competenze per aiutare chi vuole avviare un’attività a partire a razzo.
Per far questo mi avvalgo dello strumento del Moodboard, perchè penso che avere l’ispirazione giusta sia come un piccolo Big Bang cerebrale. 

Non contenta, ho conseguito un master in Curatela Museale e di Eventi allo IED. E con questo ho dato spazio alla mia altra tendenza innata.
Per me organizzare feste ed eventi è un gioco: un gioco bellissimo in cui creare l’atmosfera perfetta. Dove ogni dettaglio va la posto giusto.

Che altro?

 Il mio libro preferito è “Le città invisibili”, Calvino.
Scrivo, scrivo tanto e qualche volta vinco pure qualche premio…
Ho viaggiato un bel pò, per capire che i veri viaggi sono più dentro che fuori
Amo il verde, e quando sto per troppo tempo senza la terra sotto i piedi divento triste. Suono l’arpa celtica perchè la amo da impazzire, e le idee e le immagini sono la mia passione.
La psiche umana mi intriga e sono alla costante ricerca del miglioramento positivo.

Torna su